3 consigli per trovare il titolo al vostro romanzo

Il titolo: che decidiate di partire dalla fine, dall’inizio o dalla metà del vostro romanzo, il titolo rappresenta il fattore che per primo influenza pubblico, successo (e vendite) in maniera decisiva.

Un titolo, diversamente dalla copertina, è per sempre. Per questo un buon titolo è un biglietto da visita imprescindibile e inimitabile: può attrarre o spaventare, incuriosire o persino annoiare. Per lo scrittore può rappresentare un punto di appoggio sul quale costruire un libro intero, o una scoperta che si svela in maniera quasi naturale durante la narrazione. Di sicuro, è una parte fondamentale dell’intera opera, che ne sancisce il primissimo, primordiale sapore.

Ma come trovare il titolo giusto? (soprattutto per un esordiente) http://www.freedigitalphotos.net/images/Gestures_g185-Question_p13026.html

In questo post di qualche mese fa vi abbiamo parlato di quanto sia importante decidere da dove partire nella stesura del vostro libro e di come trovare le giuste parole per farlo. Cosa fare, però, per condensare in poche battute pagine e pagine di storia e attrarre il lettore (e acquirente) senza dire troppo o troppo poco, c’entrando il tema ma rendendolo al contempo evocativo e accattivante?

Dice Umberto Eco (parlando de Il Nome della Rosa):

Un titolo è purtroppo già una chiave interpretativa. Non ci si può sottrarre alle suggestioni generate da “Il rosso e il nero” o da “Guerra e pace”. I titoli più rispettosi del lettore sono quelli che si riducono al nome dell’eroe eponimo, come “David Copperfield” o “Robinson Crusoe”, ma anche il riferimento all’eponimo può costituire una indebita ingerenza da parte dell’autore. Le “Père Goriot” centra l’attenzione del lettore sulla figura del vecchio padre, mentre il romanzo è anche l’epopea di Rastignac, o di Vautrin alias Collin. Forse bisognerebbe essere onestamente disonesti come Dumas, poiché è chiaro che “I tre moschettieri” è in verità la storia del quarto. Ma sono lussi rari, e forse l’autore può consentirseli solo per sbaglio.

Di seguito 3 consigli d’autore (in realtà il terzo lo abbiamo messo noi) per aiutarvi a trovare un buon metodo per “scovare” il vostro titolo:

  1. Stilate un elenco di titoli post-stesura e cancellateli a mano a mano per trovare quello giusto (Ernest Hemingway era solito utilizzare questo metodo, salvo poi cancellarli tutti);
  2. Rifatevi ai titoli di successo di altri bestseller. Copiate e incollateli in un foglio di Word e annotate quali ricorrono con più frequenza. Riadattate e ricombinate poi le parole scovate per farle funzionare col vostro romanzo;
  3. Seguite l’istinto e lasciate che il titolo prenda vita da solo, per questo, portate sempre con voi un taccuino, un registratore o qualsiasi cosa sulla quale appuntare le idee geniali del momento!

Da lettori, quali sono i titoli che hanno lasciato un segno nella vostra vita? Speriamo solo non siano tra questi :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *