L’arte di scegliere i libri: consigli di lettura per l’estate

Non è mica facile scegliere il libro giusto da portarsi in vacanza.Se sei un appassionato lettore, come me, sai cosa significa sentirsi combattuti tra il non dover appesantire troppo i bagagli e la voglia di riempirli, invece, con tutti i libri che avresti voluto leggere durante l’anno, ma sei stato troppo impegnato per farlo.

D’altronde “scegliere i libri è un’arte”, che può portare i lettori più voraci anche alla follia. Sarà sicuramente d’accordo con me Luigi Mascheroni, il primo dei nostri autori che voglio proporti come compagno di viaggio.
Il suo libro “Scegliere i libri è un’arte. Collezionarli una follia”, raccoglie i ritratti dei “peggiori” bibliofili d’Italia. Personaggi più o meno famosi, ma accomunati dalla passione della lettura e l’ossessione del collezionismo.

MascheroniF-400x400Insomma, quello di Luigi Mascheroni è una sorta di manuale per non farsi prendere dalla furia di accatastare libri, o per riconoscere di essersene già lasciati catturare.

E un po’ spero che sia così, perché ho ancora altri libri da proporti, sia che tu stia partendo per l’altra parte del mondo, come il nostro Stefano Coali, con i suoi libri di viaggio e vita in Brasile, sia che tu rimanga ben ancorato al tuo territorio, come accade ai personaggi dei racconti di Enrico Gentili.

Sebbene così distanti, i loro libri stanno appassionando molto i lettori, perché raccontano la realtà: il primo, quella di un Brasile profondo, fuori dai luoghi comuni, violento, fatalista, fatto di contrasti ma anche di felicità; il secondo, una società rurale ormai quasi scomparsa.

“Maiali nella Nebbia” di Enrico Gentili

Maiali_nella_nebbia-300x432 Sudici, volgari, genuini. Ecco in tre parole i protagonisti di questo romanzo che ha già appassionato migliaia di lettori.

Maiali nella nebbia è la storia del successo e del declino di una società di commercianti di maiali.

Le loro avventure donchisciottesche, dall’esito sempre incerto e dal finale mai scontato, offrono l’affresco vivo e partecipato di un mondo scomparso. La solidarietà rurale, le amicizie sincere, i lunghi viaggi su camion stipati di traballanti ceste di suini, le colazioni sociali all’aria aperta, le sfide e le avventure “on the road” di questi cow-boys piceni dominano ogni pagina colorandola di appassionanti vicende.

Lo ammetto, forse non ti ho aiutato a risolvere il dilemma su quali libri portare in vacanza, te ne ho proposti un po’ troppi, ma almeno ti ho anche insegnato l’arte di sceglierli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *