Stampa on demand: quale formato scegliere per il tuo libro

Hai scritto un racconto, o un saggio, oppure hai completato una tesi di laurea che adesso desideri distribuire e ti chiedi qual è il formato più adatto per pubblicare la tua opera.

Stampalibri.it mette a disposizione degli autori, che vogliono pubblicare i propri libri, quattro tipi di formati standard, oltre ad alcune soluzioni di stampa per prodotti editoriali con un tocco più ricercato.

Vediamo insieme, nel dettaglio, in cosa si differenziano:

Il classico formato A5, in questo caso 14×20 cm, si adatta quasi ad ogni genere di libro, romanzi, saggi, raccolte; infatti, è il più comunemente usato e diffuso sul mercato.

Formato cartolina 10×14 cm, il vero tascabile, utilizzato per raccolte di poesie, racconti, saggi brevi o riedizioni economiche.

Il formato A4 17×24 cm, tecnicamente il doppio di un libro formato A5, ideale per la saggistica, oppure, nel suo formato più grande, 20×28 cm, per tesi di laurea e libri illustrati.

I formati non standard:

formati stampa per un libro

  • quadrato 21×21 cm, utilizzato per i lavori di ricerca contenenti grafici e illustrazioni, cataloghi, book fotografici o ricette di cucina;
  • infine, A5 verticale, che è il classico formato per opuscoli e brochure.

La rilegatura 

A seconda del numero di pagine di cui si compone un libro, i servizi di stampa on-demand, quindi, di stampa digitale, offrono due tipi di rilegatura:

  • spillata, tipica rilegatura da quaderno, adatta per libri di diversi formati, dai tascabili agli A4, purché contengano un numero ridotto di pagine;
  • in brossura, con i fogli incollati singolarmente all’interno della copertina.

Tipo di carta

I tipi di carta si distinguono per grammatura, ovvero, a seconda del peso e della consistenza delle fibre. La scelta dovrebbe essere fatta in base al genere di libro che si intende stampare e di conseguenza al grado di leggibilità che si vuole offrire ai lettori.

Per i libri di narrativa o saggistica, in generale per i libri di solo testo in bianco e nero, è decisamente indicata la carta uso mano, bianca o avorio, poiché è molto leggera (80 gr/m2) e assorbe l’inchiostro, attenuando la luminosità della pagina. Viceversa, la carta patinata, opaca o lucida, esaltando questo effetto, risulta ideale per i libri illustrati.

Adesso hai tutte le informazioni necessarie per scegliere il formato di stampa ideale per il libro che hai scritto, ma se hai bisogno di ulteriori chiarimenti non esitare a lasciare un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *