Storie di “gruppo”

Nell’ultimo post abbiamo lanciato una piccola sfida a voi che ci seguite in questo spazio ma anche a tutti quelli che ci hanno trovati su Facebook e Twitter.

La risposta – per ora – è stata timida, quindi abbiamo pensato di aprire una breve parentesi su cosa significhi prendere parte a progetti di questo tipo, anche se poi, in fin dei conti, quello che rimane di/a ognuno è il piccolo (o grande?) contributo che ha dato alla storia.

Mettersi in gioco rappresenta uno degli aspetti più essenziali dell’essere scrittori. Bisogna credere fermamente nelle proprie capacità, nei proprio mezzi, nella propria storia. Insomma è necessaria una buona dose di autostima e uno spirito attento. Considerando poi che si tratta – quasi sempre – di un’attività che si porta avanti in solitudine e nel rigore imposto dalle idee che albergano nella mente di ognuno, le occasioni di scambio e di mutua partecipazione sono rare, il più delle volte.

Inoltre lavorare di concerto immette un valore aggiunto alla storia stessa. Ogni partecipante (sia esso più o meno esperto di generi e stili di scrittura) coglie una determinata sfumatura e su quella strada prende letteralmente in mano la storia per spostarla ed orientarla verso una direzione prima inimmaginabile. Ed è interessante constatare come poi ci si ritrovi ad andare avanti seguendo la “corrente” e immaginando ogni volta gli eventi sotto una prospettica assolutamente nuova, differente.

Il tutto può quindi essere visto come un interessante processo di “brainstorming”, un modo per sbloccare eventuali stalli mentali o creativi, una maniera di confrontarsi e di stimolarsi per arrivare dove mai ci si sarebbe aspettati. E chissà che alla fine non emerga anche una storia degna di nota che mantiene su di sé tante tracce quante sono state le singole creatività coinvolte nella sua stesura.

Cosa ne pensate di questi progetti collettivi? Secondo voi funzionano? Avete già partecipato a quello lanciato in questo blog? (ci permettiamo di aggiungere… se ancora non l’avete fatto, cosa aspettate? Avete tempo fino a sabato) :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *