Il costo di un libro?

Ancora una volta non speriamo di eviscerare un argomento tanto denso e complesso come quello che riguarda i costi necessari alla creazione di una pubblicazione. Ma abbiamo trovato davvero molti spunti e contributi interessanti sparsi per la rete che cercheremo di organizzare in questo post per darvi un’idea del lavoro e delle risorse necessarie per far nascere un libro.

Luisa Capelli su Alfabeta2 pone l’accento su un’interessante approfondimento (che è poi quello di cui si senta parlare e si legge più spesso). Come si forma il prezzo su carta e nel digitale?

Prendiamo ad esempio i costi di produzione di un libro di carta con un prezzo di copertina di 15 euro, del quale si sia effettuata una tiratura di 3.000 copie e del quale sia rientrato circa il 25% di copie in resa. L’esempio si discosta un po’ dalle medie soprattutto per comodità di calcolo, ma è possibile immaginare che siano molte le opere pubblicate a trovarsi nel caso illustrato.

Il caso illustrato lo trovate qui ed è davvero interessante perché mette in luce tre problematiche niente affatto trascurabili quando si mettono a confronto i costi molto alti del cartaceo rispetto a quelli assolutamente ridimensionabili tipici del digitale:

  1. necessità di vendere molte più copie per raggiungere i valori che oggi può consentire solo la carta, mantenendo in piedi organizzazioni modellate sui volumi del mercato cartaceo;
  2. progressivo imporsi, nel mercato dell’editoria digitale, di player globali (Amazon, Google, Apple) che non esprimono solo un dominio incontrastato delle tecnologie, ma inventano e abilitano a usi sempre più efficaci della diffusione dei contenuti ;
  3. alcuni mestieri verranno progressivamente ridimensionati (tipografi, logistica) e altri che dovranno mutare. Per esempio, i redattori dovranno imparare a curare i testi nati nel e destinati al digitale, non pensare più solo alla pagina, ma alle diverse modalità di presentazione e lettura dei testi digitali, ecc ecc.

E  proprio mentre colossi come Amazon si attrezzano per non rimanere indietro dando la possibilità di “pagare uno e prendere due” ci si potrebbe domandare dunque qual è il prezzo giusto per un e-book? Rimandandovi a questo altrettanto interessante contributo sul tema (perché i costi sono più contenuti sì nel digitale, ma bisogna comunque considerare fattori legati alla distribuzione, diritto d’autore e molto altro), lavoreremo su un bel post dedicato interamente a questo!

Alla prossima :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *